giovedì 16 febbraio 2012

Le interviste parallele... talis pater, talis filius

Nell'attesa di proporvi qualche sequenza tratta dal DVD della mia commedia che è in fase di realizzazione, vi posto un pezzettino dell'intervista di presentazione del libro dell'Ars Amandi Veneziana e, subito sotto al mio filmato, anche un vero e proprio scoop: una rarissima intervista volante con il mio figliolo perennemente errante tra la Czech Republic, la Lituania, l'Austria e ora Casorate Primo, dalle parti di Pavia (ma finalmente per lavoro e non per studio o cazzeggi sentimentali, così almeno si autofinanzierà). La clip, di cui non ero a conoscenza, me l'ha passata Simone Laggia, il regista della Vanguardia Nonsensista che ha realizzato l'intervista al rampollo, solitamente sempre "altrove", durante uno dei suoi scali tecnici a casa per cambiare la biancheria, avere due coccole dalla mamma e dai nonni, giocare con il cane, bere due birrette con Teresa, Fabio e Simone e, nella circostanza, chiedere a papà qualche bonus finanziario per avergli concesso l'onore di venire alla presentazione del suo libro (mi ha detto che le ospitate dei VIP in televisione si pagano, quindi...). Nel filmato si può notare la stessa identica "erre" francesizzante del padre (immagino che all'Orèal abbia fatto colpo per quello) e la stessa determinazione nel dire "No!" di sua madre.



18 commenti:

  1. mi piace! mi piacciono tutt'due le interviste!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Trilly:grazie... ma spero più la mia, vero? :)

      Elimina
  2. Breve succinto e compendioso tuo figlio!La erre è proprio lei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @redcats: Già... in questo caso anche il pater est certus.

      Elimina
  3. Risposte
    1. @Maude Chardin: grazie, riferirò all'erede per competenza. Io ormai sono fuori servizio. :)

      Elimina
  4. E' una presentazione molto più completa di quel poco (tanto) che si arguiva qui sul blog...interessante ! Sei molto simpatico Carlo!
    M'è sorta la curiosità di leggerlo questo libro. Quando passerò da Feltrinelli vedrò se prenderlo. Ma la storia di famiglia è in questo libro ? scusa ma non si capiva tutto benissimo nel video... sarà stato il sonoro o la velocità in cadenza veneziana...

    RispondiElimina
  5. @nellabrezza: grazie intanto per l'apprezzamento, spero che il libro non ti deluda. Si, qualcosa della storia di famiglia la trovi anche nel libro, anche se, ovviamente, lo spazio maggiore è riservato alle vicende amorose. Comunque, se vuoi leggerne intanto una quarantina di pagine per fartene un'idea puoi farlo cliccando sull'icona della copertina qui a destra. Ti si aprirà la pagina del sito Ilmiolibro.it che è sempre del gruppo Repubblica/L'Espresso da dove puoi leggere una discreta anteprima. Tra l'altro, se decidi di acquistarlo lo puoi fare anche da lì, come hanno fatto tanti miei amici. Paghi con la carta di credito o una prepagata e te lo spediscono a casa in quattro o cinque giorni. Tra l'altro, mi pare che si risparmi anche qualcosina sul prezzo di copertina. Ciao

    RispondiElimina
  6. Ma quanto mi piace vedere il Carlo e il suo figliolo? Taanto !! Un'abbraccione alla dogal familia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Pat. Grazie Patrizia, prima o poi speriamo anche di incontrarti di persona qui a Venezia. Un abbraccio ricambiato da tutta la dogal famègia
      Ciao

      Elimina
  7. Avete lo stesso modo di fare anche se i lineamenti mi sembrano più di Morena. Che bello vedere questi due video, mettono allegria e buon umore, grazie per la condivisione, baci a tutti voi.

    RispondiElimina
  8. @Alessandra: Gianmarco di mio ha la "erre" i dentoni da coniglietto, la capacità dialettica di vendere ghiaccio agli esquimesi e quel certo "aplomb" da bravo ragazzo a cui ogni madre affiderebbe (assai incautamente) la propria figlia e che in anni giovanili mi era stato assai utile, così come ora sembra lo sia per lui. Da sua madre ha preso gli occhi scurissimi, la logica ferrea, la caparbietà e il caratterino spigoloso. Insomma, un discreto mix. Te lo presenterò quando riesco ad acchiapparlo.
    Ciao e un bacione

    RispondiElimina
  9. Un marchio di fabbrica questa erre :-)
    Belle le interviste e complimenti al figliolo!
    Buona giornata
    Mìgola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Migola. pensa che al liceo, quando la classe era depressa per un compito di greco andato male, per rialzare il morale collettivo mi toccava salire in piedi sopra un banco e declamare il condizionale del verbo irrorare. A mio figlio invece, mi raccontano i suoi amici, toccava declamare la filastrocca del ramarro verde. Talis pater...

      Elimina
    2. ;-) Allo Scettico è invece capitato un brutto incidente quando era bimbo con la corrente elettrica e ha perso un pezzettino di lingua. In famiglia, (crudeli) chiediamo spesso di farci sentire la Erre e ne viene fuori un suono strano sibilante...qualche anno fa in Francia uscì proprio un film che si intitolava Rrrrrr ...
      Per un bel po' è stato il più gettonato in famiglia! ;-) Buon giornata

      Elimina
    3. @Migola. Davvero crudeli con il povero Scettico. D'altronde il fatto che anche nelle famiglie più unite si annidi una sottile vena di sadismo, mi è ben noto. Infatti, in casa mia si usa incaricare l'unico infelice affetto da allergia primaverile da polline (io) di andare a tagliare l'erba con la falciatrice in giardino. In modo che poi l'elfa e il figliolo errante ridacchino e si diano felici di gomito al mio primo starnuto (di solito ne faccio cinque o sei di fila e questo sembra accresca di molto l'effetto comico).

      Elimina
  10. Hai una verve e autoironia che fa si di non aver riserve verso le tue Opere.... vere e proprie garanzie. Tuo figlio mi piace è simpatico ed ha occhi che sorridono prima delle labbra. Pizzico la R quando sono nervosa un residuo avendola autocontrollata ... non so manco io il perchè. Bonus finanziario? .... che roba è! "mai" avuto a che fare. il NO della mamm ben piazzato... mi piace!

    Ho partecipato a numerosissimi incontri letterari, incontrare un Autore tanto sciolto non è facile. Complimenti. penso che l'Oprera delle Oprere risulti sempre quella autobiografica indipendentemente da quando la si partorisce e con quali approcci la si stilli. Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @jouy-carladidi. Grazie per tutti i complimenti carinissimi. Mio figlio Gianmarco ha in effetti un bel modo di sorridere, molto accattivante, sarà per via di quei dentoni da coniglietto che condivide con me. Ma mentre io ho gli stessi occhi chiari di mia madre che conferiscono ai miei sorrisi l'alone della bontà serafica, lui ha gli occhi nerissimi di mia moglie, che gli vedi i diavoletti passarci dentro. Soprattutto quando parla di business con me.
      Ciao

      Elimina